Quali Debiti Non Sono Ammessi All'estero

Sommario:

Quali Debiti Non Sono Ammessi All'estero
Quali Debiti Non Sono Ammessi All'estero
Video: Quali Debiti Non Sono Ammessi All'estero
Video: COME AGIRE SE TI TROVI ALL'ESTERO E HAI DEBITI IN ITALIA 2023, Febbraio
Anonim

La presenza di un debito insoluto può comportare restrizioni alla possibilità di viaggiare al di fuori della Federazione Russa. Tuttavia, questo, fortunatamente, non si applica a tutti i tipi di debiti.

Quali debiti non sono ammessi all'estero
Quali debiti non sono ammessi all'estero

Se una persona ha un debito non pagato, tale sanzione può essere applicata a lui come restrizione ai viaggi al di fuori della Federazione Russa. Questa possibilità è prevista dall'articolo 67 della legge federale n. 229-FZ del 2 ottobre 2007 "Sui procedimenti di esecuzione".

Importo del debito

Allo stesso tempo, tuttavia, vale la pena ricordare che una misura così grave che può privare il debitore di una vacanza tanto attesa o dell'opportunità di fare un viaggio di lavoro all'estero può essere applicata solo se ha debiti relativamente ingenti. Tale condizione è stabilita dal paragrafo 1 dell'articolo 67 dell'atto normativo specificato.

Questa sezione dell'attuale legislazione prevede che se si tratta del debito di un individuo, una misura come la limitazione dei viaggi all'estero può essere applicata a lui solo se il suo obbligo di debito supera i 10 mila rubli. Pertanto, tutti i debiti inferiori a tale importo non possono essere considerati motivi per imporre tale limite. Pertanto, ad esempio, è improbabile che una multa non pagata per una violazione del codice stradale o un mese di ritardo nel pagamento delle bollette causino una vacanza rovinata.

Condizioni di applicazione della restrizione

Inoltre, va tenuto presente che il vincolo all'uscita non è una conseguenza diretta del ritardo nell'obbligazione del debito: affinché tale misura possa essere applicata nei confronti dell'inadempiente, devono essere espletate alcune pratiche burocratiche.

Il fatto è che le disposizioni dell'articolo 67 della legge "On Enforcement Proceedings" presuppongono che la decisione di applicare tale sanzione al debitore possa essere imposta solo da un ufficiale giudiziario. Ciò, a sua volta, significa che nei suoi confronti è già stata avviata una procedura esecutiva, ovvero la persona verso cui ha un debito si è rivolta al tribunale con una richiesta di riscossione del debito.

Ovviamente, una situazione del genere nella maggior parte dei casi diventa nota al debitore. Inoltre, anche se l'udienza del caso si è svolta senza la sua presenza, la legge prevede altri strumenti per informare il debitore del divieto impostogli di recarsi all'estero. Quindi, l'ufficiale giudiziario capo o il suo sostituto devono approvare la decisione presa dall'ufficiale giudiziario e inviarne una copia all'inadempiente per informarlo di tale decisione.

Pertanto, tutti i passaggi di cui sopra sono obbligatori affinché l'ordine emesso per limitare l'uscita abbia valore legale: in caso contrario, può essere impugnato in tribunale.

Popolare dall'argomento