Dove Andare A Vologda

Dove Andare A Vologda
Dove Andare A Vologda
Video: Dove Andare A Vologda
Video: Вологда экскурсия . Часть- 1 .Прогулка по городу.Vologda. 2023, Febbraio
Anonim

Vologda è una delle più antiche città russe. Fu fondata dagli abitanti di Novgorod nel XII secolo sulla via del cosiddetto portage, un passo che collegava i bacini dei fiumi Sheksna e Sukhona. In passato, questa città era una sorta di porta del Nord, nonché un centro commerciale e artigianale abbastanza grande e un avamposto della Madre Sede nella lotta contro gli invasori stranieri. Oggi, grazie al suo fascino indimenticabile e all'atmosfera unica, Vologda è una delle mete turistiche preferite del nord russo.

Dove andare a Vologda
Dove andare a Vologda

Tra le antiche città della Russia, Vologda occupa giustamente un posto speciale in termini di importanza e numero di monumenti dell'architettura in legno. Non ci sono esempi di classicismo ligneo che si possono vedere in questa città in Europa. Pertanto, dovresti assolutamente guardarne almeno alcuni con i tuoi occhi. Visita Blagoveshchenskaya Street Su di esso si trovano diversi edifici in legno unici. Tra questi c'è la casa di Kirkhoglanin. Questa è una villa a due piani con una loggia d'angolo e una rimessa per le carrozze.Sarebbe un crimine visitare Vologda e non visitare la sua attrazione principale: il Cremlino. Sorge sulle rive del fiume nel cuore della città. È stato avviato da Ivan il Terribile. Il re sognava di trasformare questa città nella capitale dell'oprichnina. Tuttavia, non ha aspettato il completamento della costruzione del Cremlino. La sua piazza è stata costruita molto lentamente, nel corso di diversi secoli, motivo per cui gli edifici del Cremlino sono molto diversi l'uno dall'altro nello stile. Qui puoi vedere la Cattedrale della Resurrezione, l'ex Casa dei Vescovi e il Campanile di Sofia, l'edificio più alto di Vologda. Il campanile attira l'attenzione degli ospiti della città non solo per la sua snellezza e l'altezza di cinquanta metri, ma anche per il suo seme di papavero dorato, che è piuttosto brillante con il bel tempo. Dal suo punto di osservazione si apre un panorama piuttosto ampio della città e dei suoi dintorni. Come in ogni altra antica città russa, a Vologda è stato costruito un gran numero di cattedrali e chiese. Oggi sono una cinquantina. La maggior parte di loro si trova sulle rive del fiume. Visita la Chiesa della Presentazione. Si trova in un luogo piuttosto pittoresco, proprio nell'ansa del fiume. Non lontano dal Cremlino si trova la Chiesa di Varlaam Khutynsky. È di particolare interesse dal punto di vista architettonico. Il suo aspetto è sorprendentemente diverso dal tempio che è familiare a una persona russa. Non ha cupole, ma il tetto è decorato con due vasi in pietra. Queste delizie architettoniche meritano sicuramente una visita.Ci sono molti ponti in città. Uno di questi è il Ponte Rosso, che recentemente è diventato completamente pedonale. C'è un monumento molto divertente accanto ad esso. È stato installato relativamente di recente, in onore del centenario dall'avvento dell'elettrificazione a Vologda. Il monumento è un lampione e un bastardo che ci fa pipì. I cittadini chiamano la loro nuova attrazione "il monumento al cane che piscia". Tra i luoghi insoliti c'è il monumento in mattoni. Il suo significato risiede nella leggenda storica, secondo la quale Ivan il Terribile desiderava fare di Vologda la capitale dello stato, dopo aver retrocesso Mosca. Ma all'ingresso della città, un mattone presumibilmente cadde dal muro della fortezza sullo zar. L'autocrate considerò questo incidente un segno scortese e tornò a Mosca.Ci sono molti musei a Vologda. Uno di questi è il Museo delle Cose Dimenticate, la sua esposizione racconterà il fatto che le cose usate non perdono la loro energia e fanno ancora parte della nostra vita. Vale la pena visitare il museo del merletto, che conta circa 4.000 merletti, o la casa-museo di Pietro il Grande. Questa pittoresca casa a un piano, orgogliosamente in piedi sulle rive del fiume, attira già l'attenzione degli ospiti della città con la sua sorprendente decorazione architettonica. Il tetto dà colore all'edificio: è in una cella verde.Fu in questa casa, che apparteneva al mercante olandese Gutman, che Pietro il Grande soggiornava in ogni visita a questa città. Il museo contiene oggetti che un tempo appartenevano al re, in particolare i suoi vestiti.

Popolare dall'argomento