Parco Petrovsky E Le Sue Attrazioni

Sommario:

Parco Petrovsky E Le Sue Attrazioni
Parco Petrovsky E Le Sue Attrazioni
Video: Parco Petrovsky E Le Sue Attrazioni
Video: Parco Progetto Marco Onlus Ipogeo degli Ottavi 2023, Febbraio
Anonim

Il Parco Petrovsky è tradizionalmente elencato in tutte le guide turistiche di Mosca come oggetto di arte del giardinaggio. Tuttavia, vale la pena visitare il parco non solo per gli splendidi panorami. Sul suo territorio si trovano diversi punti di riferimento eccezionali, che ti permetteranno di guardare la storia della capitale da una nuova prospettiva.

Parco Petrovsky di Mosca
Parco Petrovsky di Mosca

Parco Petrovsky e le sue attrazioni

Petrovsky Park è un complesso di parchi paesaggistici di 22 ettari situato nel nord-est di Mosca tra Leningradsky Prospekt e Petrovsko-Razumovskaya Alley. È un capolavoro dell'arte del giardinaggio paesaggistico del XIX secolo ed è incluso nell'elenco dei siti storici particolarmente protetti della capitale russa.

Il parco fu fondato nel 1827 dal progetto del famoso architetto Ivan Tamansky durante il periodo del restauro della città dalle conseguenze della Guerra Patriottica del 1812. Quasi subito, sul suo territorio iniziarono a sorgere numerosi palazzi e ville e il parco stesso si trasformò in un luogo di svago preferito dalla ricca aristocrazia.

Tutto cambiò dopo il colpo di Stato del 1917, quando i bolscevichi salirono al potere. Petrovsky Park divenne un luogo di crudeli rappresaglie contro gli oppositori del nuovo regime. Secondo i dati storici, solo nel settembre 1980 qui furono fucilate 80 persone, inclusi rappresentanti del clero ed ex funzionari dell'Impero russo. Negli anni successivi, la maggior parte del parco fu ricostruita nello stadio Dynamo.

Petrovsky Park oggi è uno dei parchi più pittoreschi di Mosca e un tradizionale itinerario turistico per tutti gli ospiti della città. Qui, passeggiando lungo i vicoli ombrosi e godendo dell'aria pulita sulle rive di un pittoresco laghetto, puoi vedere veri capolavori dell'architettura: il Travel Palace, la Chiesa dell'Annunciazione, la villa del Cigno Nero, la Chiesa dei Santi Martiri e dei Nuovi Martiri e confessori della Russia e il monumento a N. Ye. Zhukovsky

Palazzo itinerante Petrovsky

Il Petrovsky Travel Palace è l'ex residenza dei rappresentanti della famiglia imperiale e dei dignitari che spesso amavano rilassarsi qui durante il viaggio da San Pietroburgo a Mosca. Caterina II e molti monarchi russi una volta soggiornarono nel palazzo prima della cerimonia di incoronazione.

Nel 1812, al culmine della Guerra Patriottica, nell'edificio si trovava il quartier generale di Napoleone. L'imperatore di Francia soggiornò per quattro giorni nel palazzo Petrovsky e, secondo fonti storiche, fu dalla finestra del palazzo che contemplò Mosca avvolta dalle fiamme. Questo evento significativo si riflette nel poema di A. Pushkin "Eugene Onegin".

Il Petrovsky Travel Palace è ora uno degli oggetti più importanti del parco, che attira invariabilmente l'attenzione dei viaggiatori con una facciata insolita che combina le caratteristiche classiche della tendenza neogotica e i segni dell'architettura tradizionale per i paesi dell'Est. Attualmente il palazzo è utilizzato dal governo di Mosca per ricevere varie delegazioni russe e internazionali.

Immagine
Immagine

Chiesa dell'Annunciazione della Santa Madre di Dio

La Chiesa dell'Annunciazione della Santa Madre di Dio è il secondo punto di riferimento del parco. La chiesa ortodossa attualmente funzionante fu eretta nella prima metà del XIX secolo secondo il progetto di Fyodor Richter a spese di Anna Dmitrievna Naryshkina.

La chiesa è stata costruita nel classico stile russo. L'edificio è a due ordini ed è annesso un campanile quadrangolare. Il santuario principale della Chiesa dell'Annunciazione è l'icona del Signore Onnipotente. I parrocchiani e gli ospiti della chiesa possono vedere un'opera di pittura sacra risalente al XVII secolo nell'angolo sinistro della fila dell'iconostasi. La seconda tela degna di nota della chiesa è l'icona patronale dell'Annunciazione del Santissimo Theotokos, la cui unicità risiede nel fatto che l'intera trama è disposta in mosaici.

La Chiesa dell'Annunziata fu chiusa negli anni '30 del XX secolo durante le persecuzioni religiose.I locali della chiesa erano adibiti a magazzini alimentari. Negli anni di abbandono l'edificio cadde in un degrado, che portò al crollo parziale delle mura e del portico del campanile e al danneggiamento della cupola.

Nel 1990, il tempio è stato restituito alla Chiesa ortodossa russa (ROC). Fu eseguita una ricostruzione su larga scala dell'edificio principale e del campanile. Attualmente la chiesa è aperta ai parrocchiani e ospita regolarmente funzioni religiose.

Villa "Cigno Nero"

Un'altra decorazione architettonica del Petrovsky Park è la villa Black Swan, che un tempo apparteneva al famoso filantropo metropolitano Nikolai Ryabushinsky. Il proprietario dell'edificio era conosciuto come un grande conoscitore della pittura e dell'arte. Ryabushinsky ha finanziato la pubblicazione di una rivista dedicata all'arte "Golden Fleece" e ha tenuto numerose mostre d'arte, alle quali hanno partecipato l'intera alta società della nobiltà russa.

La villa neoclassica fu costruita all'inizio del XX secolo dagli architetti V. Adamovich e V. Mayat. La graziosa struttura ha rapidamente guadagnato fama ed è stata ricoperta di leggende, la maggior parte delle quali sono state create dallo stesso eccentrico proprietario.

La decorazione interna del palazzo nitrisce e spaventa i contemporanei con la sua unicità. Gli ambienti della villa erano decorati con maschere rituali africane, sarcofagi e statue di draghi provenienti dall'isola del Madagascar. Il nome "Black Swan" non è stato dato alla casa per caso. Il fatto è che tutti i mobili, i piatti e gli oggetti da portata erano contrassegnati con simboli raffiguranti questo uccello.

Nel 1915, la Black Swan Villa fu inghiottita da un enorme incendio che distrusse la maggior parte dei vecchi dipinti, mobili antichi e altri oggetti interni. Oggi la villa di Ryabushinsky è stata restaurata. Gli interni originali dell'edificio sono stati parzialmente restaurati.

Chiesa del Santo Martire V. Medvedyuk e dei Nuovi Martiri e Confessori della Russia

La chiesa dedicata ai Nuovi Martiri della Russia è stata eretta nei primi anni 2000 ed è uno dei monumenti moderni del Parco Petrovsky.

La costruzione del tempio è stata completata nel 2002. La chiesa è un cubo con cupola, poggiante su muri portanti con archi. Esternamente l'edificio è simile ai battisteri romanici con la loro caratteristica architettura, ma in uno stile più moderno.

Il tempio può ospitare fino a cento parrocchiani alla volta. L'interno è progettato in stile mosaico e corrisponde alla tradizione bizantina. La sala battesimale assomiglia esternamente a un cortile a due livelli con numerosi archi interni. La base del mosaico è l'immagine di Cristo Pantocratore, integrata dalle figure degli apostoli, nuovi martiri e confessori, guidati dalla famiglia dell'ultimo imperatore russo.

Immagine
Immagine

Monumento a N.E. Zhukovsky

Vicino al Petrovsky Way Palace nel vicolo destro del Petrovsky Park c'è un monumento a N.E. Zhukovsky, uno scienziato-inventore, autore di numerosi lavori scientifici sull'idro e l'aerodinamica, il fondatore dell'aviazione russa.

Il busto fu installato nel 1959 accanto al Palazzo Petrovsky, nel cui edificio a quel tempo si trovava l'Accademia dell'Aeronautica. Zhukovskij. Attualmente, l'accademia si è trasferita e il Travel Palace riceve nuovamente ospiti di alto livello. Tuttavia, si è deciso di lasciare la scultura nella sua posizione originale. L'autore del progetto è G.V. Neroda, scultore - I. A. Francese. Di fronte al busto di Zhukovsky, viene eretto un monumento a un altro luminare della scienza russa: lo scienziato e inventore K.E. Tsiolkovsky.

Il Parco Petrovsky di Mosca non è solo un oggetto di arte del giardinaggio, ma anche un luogo con una ricca storia e numerose attrazioni che interesseranno tutti gli intenditori di architettura, arte e storia russa.

Popolare dall'argomento