Angel: La Cascata Più Alta Del Mondo

Sommario:

Angel: La Cascata Più Alta Del Mondo
Angel: La Cascata Più Alta Del Mondo
Video: Angel: La Cascata Più Alta Del Mondo
Video: Salto Angel, la cascata mozzafiato più alta del mondo 2023, Febbraio
Anonim

La storia dei monumenti naturali a volte nasconde fatti sorprendenti sulla loro formazione, scoperta e momenti di esistenza. Kerepakupai Meru è il nome autentico delle famose Angel Falls.

l'angelo cade
l'angelo cade

Questo monumento naturale del Venezuela è la cascata più alta del mondo. Ma il suo nome autentico si traduce come "cascata del luogo più profondo". Sulla base di questa discrepanza, alcuni scienziati hanno costruito la loro ipotesi che un tempo la cascata fosse una depressione, dove la massa d'acqua era di vetro. E l'area stessa era situata più in alto. Nel tempo, il paesaggio ha cambiato la sua struttura e una depressione con l'acqua si è trasformata in una cascata.

Immagine
Immagine

Una valanga d'acqua cade da quasi un chilometro di altezza, e il nome della cima della montagna, da cui si rompe, è tradotto come "Montagna del Diavolo". L'area intorno a Kerepakupai-meru è avvolta dalla nebbia. Quest'ultimo si forma a causa del fatto che durante la caduta l'acqua si scompone in piccole particelle e quando si avvicina al suolo si raccoglie nuovamente in una massa d'acqua. La gente del posto afferma che gli estranei possono facilmente perdersi nelle vicinanze della cascata. Ci sono casi in cui le persone si sono perse senza lasciare traccia. Oggi, maghi e stregoni vengono in questo luogo per ricaricare l'energia dell'acqua.

Lo scrittore inglese Arthur Conan Doyle, noto per la sua stranezza, scelse la cascata come luogo degli eventi di The Lost World. Pertanto, la cascata è conosciuta come uno dei luoghi più strani e mistici del mondo.

Dalla storia del nome moderno

Il nome moderno è associato a eventi tragici: negli anni '30 del secolo scorso, l'aereo del pilota americano James Angel si è schiantato su di esso. Tutti i membri dell'equipaggio riuscirono a fuggire, ma il ritorno alla civiltà, ovvero la discesa dalle vette delle montagne, durò 11 giorni. Ma l'apparato volante stesso fu meno fortunato. Per 33 anni è rimasta ai vertici dell'Auyantepui. Successivamente, è stato trasportato a terra in elicottero. Oggi, questo aereo è anche entrato a far parte del tesoro delle reliquie mondiali.

Immagine
Immagine

Questo luogo è stato scoperto solo all'inizio del secolo scorso. Il suo scopritore fu Ernesto Sánchez la Cruz, ma prima della tragedia con l'aereo americano, il luogo non era molto famoso. È così che i tragici eventi hanno portato Angel alla fama mondiale. Dopo il restauro, l'aereo è stato installato di fronte all'aeroporto della città di Ciudad Bolivar.

Nel 1945, gli scienziati americani esplorarono questo luogo, stabilendone l'altezza e la posizione, che fu presto pubblicata in un libro. La cascata è stata aggiunta alla lista dei Patrimoni dell'Umanità solo nel 1994.

Come arrivare là

È necessario acquistare un biglietto aereo per le città di Carcas, Ciudad Bolivar, Margarita Puerto Ordos. E già da queste città puoi anche arrivare a Canaima in aereo: questo villaggio funge da punto di partenza del viaggio ai piedi dell'Angelo. Non ci sono strade a Canaima, quindi qui dovrai utilizzare i servizi di piccoli aerei o andare in canoa.

Viaggio nel mondo perduto

Esaminando i dintorni, è del tutto possibile credere nell'ipotesi degli scienziati che spiegano la storia della cascata. Nella parte meridionale, quasi alla periferia degli altopiani della Guiana, dove si trova la cascata, ci sono tepuis - interi altopiani, montagne da tavola, i cui territori a volte si estendono per migliaia di chilometri. Uno di questi altipiani, noto come Auyantepui, ha dato vita alla cascata.

Il paesaggio circostante ha conservato la sua flora e fauna incontaminate come era prima dell'arrivo dell'uomo qui. C'è un'opinione: se non per lo schianto di Angel, allora questo posto è rimasto quasi l'unico posto dove le persone non sono state.

Immagine
Immagine

La caratteristica naturale di questi luoghi è stata studiata in seguito. Solo nel 1956, i ricercatori riuscirono a passare dai piedi alle vette dell'Auyantepui. Nel corso dello studio, tali stranezze sono diventate chiare: piove più sulla montagna che ai suoi piedi, e la montagna è anche un luogo di maggiore attività temporalesca. Nelle leggende indiane, la montagna è chiamata luogo nero.

Nel corso di ulteriori ricerche, sono stati scoperti due crateri, che inizialmente sono stati scambiati per vulcani, ma, come si è scoperto, erano cavità ad imbuto carsiche dilavate dalle acque. La profondità di uno di questi imbuti è di 375 metri e ha un diametro di circa 400 metri.

Gli scienziati sono riusciti a scendere in uno di questi crateri. Durante lo studio sono state scoperte piante, precedentemente sconosciute in botanica.

Nel 1984, l'esplorazione dell'area continuò. Così è stato sviluppato un nuovo oggetto: la cima della "Montagna nebbiosa". Qui sono state trovate piante sconosciute, sono stati scoperti esemplari unici di animali e pesci. Ad esempio, la testa di un pesce aveva la forma di una scopa, in un altro assomigliava alla testa di un cane, il terzo differiva per le labbra a forma di piatto. Libellule giganti di straordinaria bellezza, le cui ali raggiungevano i 30 cm, volavano sull'acqua. Un'altra scoperta per gli scienziati è stata che le creme e gli unguenti chimici non hanno salvato le sanguisughe locali.

Immagine
Immagine

La bellezza del Venezuela era ancora in fase di esplorazione: nel 1973, lo scienziato italiano Garbari scoprì nelle montagne Marauca una cascata persino più alta di Angel, ma nessuno è ancora riuscito a fare misurazioni accurate. A causa di ciò, sono ancora conservate le altezze record di Angel, che lascia la cascata con il titolo di cascata più alta del mondo.

Popolare dall'argomento