Kerch: Cave Di Adzhimushkay

Sommario:

Kerch: Cave Di Adzhimushkay
Kerch: Cave Di Adzhimushkay
Video: Kerch: Cave Di Adzhimushkay
Video: Аджимушкай. Подземная крепость 2023, Febbraio
Anonim

Adzhimushkai in traduzione dal turco "pietra grigia grigia" è un piccolo villaggio, che si trova a 7 km da Kerch, fu lui a dare il nome alle cave, dopo la guerra le cave iniziarono a chiamarsi catacombe.

Kerch: cave di Adzhimushkay
Kerch: cave di Adzhimushkay

Istruzioni

Passo 1

Nel periodo prebellico, la pietra calcarea fu estratta ad Adzhimushkai, a seguito della quale si formarono numerose catacombe in questi luoghi. Furono loro a diventare durante gli anni della Grande Guerra Patriottica il luogo di dispiegamento di parte delle truppe del Fronte di Crimea che difendevano Kerch. L'8 maggio 1942, le truppe naziste lanciarono un'offensiva sulla penisola di Kerch e catturarono Kerch il 16 maggio.

Quando i nazisti occuparono Kerch, circa 10.000 uomini dell'Armata Rossa e 5-6 mila civili della città - donne, anziani e bambini - scesero nelle catacombe di Adzhimushkaya. La difesa delle cave è stata preparata spontaneamente nel corso delle ostilità senza alcun piano sviluppato, in relazione al quale le persone hanno affrontato privazioni come illuminazione, acqua, cibo, munizioni e medicinali.

Immagine
Immagine

Passo 2

La mancanza di approvvigionamento idrico ha messo in pericolo la presenza nelle cave. Non c'erano sorgenti aperte nel sottosuolo, e in superficie c'erano due pozzi, uno con acqua dolce e l'altro con acqua salmastra. I nazisti tenevano costantemente sotto tiro i pozzi e un secchio d'acqua costava diverse vite umane. Dopo un po', un pozzo fu distrutto dai tedeschi e l'altro fu gettato dai nazisti con i cadaveri dei soldati sovietici.

Il comando decide di scavare pozzi sotterranei. A giudicare dai dati sopravvissuti, sono stati scavati tre pozzi contemporaneamente. Il destino di uno di loro è sconosciuto e non conosciamo nemmeno il luogo in cui è stato scavato questo pozzo. Furono i primi a scavare un pozzo sul territorio del primo battaglione, anche se i tedeschi appresero che tale lavoro di ingegneria veniva svolto sottoterra per costruire un pozzo, e nel momento più importante, quando raggiunsero lo strato di argilla, posarono esplosivi sulla superficie, hanno fatto un'esplosione e questo pozzo è stato riempito. Pertanto, l'ultimo pozzo è stato scavato nel rispetto di tutte le precauzioni, sono stati utilizzati solo attrezzi manuali, la sua profondità è di 14,5 metri e l'acqua è ancora lì. Dal momento in cui il pozzo è stato scavato, la guarnigione potrebbe sentirsi relativamente calma in termini di acqua. Il problema dell'approvvigionamento idrico fu risolto e gli Adzhimushkay potevano continuare a combattere. Infatti, nei primi tempi, a causa della sete, la gente non poteva sopportarla fisicamente, alcuni tornavano in superficie e si arrendevano. Ora la guarnigione con nuove forze ha continuato le ostilità attive.

Colpi, granate e mine esplodevano sulle cave giorno e notte. I nazisti volevano aprire il corridoio sotterraneo, ma senza successo. Quindi i nazisti vanno a un crimine mostruoso: stanno cercando di distruggere le persone nelle cave con l'aiuto di gas velenosi. Da veicoli speciali agli ingressi, i tedeschi lasciano il gas nervino sottoterra. A causa degli attacchi con il gas, molti civili e soldati vengono uccisi. La gente ha cercato di fuggire in passaggi lontani, ma il gas si è diffuso in tutto il labirinto della cava in una corrente d'aria.

Dopo il primo attacco con il gas, il numero delle persone sottoterra è quasi dimezzato. Per salvarsi, i soldati costruirono rifugi antigas in vicoli ciechi, erigendo muri di pietra. Gli ingressi erano chiusi con diversi strati di soprabiti e tutto ciò che impediva la penetrazione dei gas. I nazisti cercarono di distruggere gli Adzhimushkays non solo con l'aiuto dei gas, ma anche con l'aiuto delle frane. Sulla superficie sono state piazzate bombe e, a causa delle esplosioni, tonnellate di pietre sono cadute sulla testa delle persone. Nelle cave ci sono molte di queste frane che sono diventate fosse comuni.

Il 30 ottobre 1942, i tedeschi catturarono finalmente le catacombe e catturarono diversi difensori viventi. Delle circa 15.000 persone che scesero nelle catacombe, solo 48 sopravvissero dopo un assedio di 170 giorni.Nel novembre 1943, unità della 56a armata attraversarono lo stretto di Kerch e liberarono il villaggio di Adzhimushkai.Quello che videro i guerrieri nelle cave è difficile da descrivere. Si trattava di diverse migliaia di persone che morirono agli ingressi, soffocate dai gas, congelate in pose che testimoniavano terribili tormenti.

Immagine
Immagine

Passaggio 3

Le cave di Kerch non sono solo un monumento ai soldati sovietici, è un territorio in cui i veri eroi giacciono ancora oggi sotto un mucchio di pietre, dove enormi fossati non si sono mai livellati e non si sono nascosti nei boschetti del tempo. È molto difficile trovarsi al buio sotto una spessa volta di pietra tra coloro che non saliranno mai in superficie.

Immagine
Immagine

Popolare dall'argomento