Fossa Delle Marianne: Mostri, Enigmi, Segreti

Sommario:

Fossa Delle Marianne: Mostri, Enigmi, Segreti
Fossa Delle Marianne: Mostri, Enigmi, Segreti

Video: Fossa Delle Marianne: Mostri, Enigmi, Segreti

Отличия серверных жестких дисков от десктопных
Video: LE STRANE CREATURE CHE VIVONO NELLA FOSSA DELLE MARIANNE 2023, Gennaio
Anonim

La Fossa delle Marianne è uno dei luoghi più incredibili e misteriosi del nostro pianeta. L'impossibilità di uno studio approfondito della depressione dà origine a molti miti sulle creature che vivono al suo fondo.

Fossa delle Marianne: mostri, enigmi, segreti
Fossa delle Marianne: mostri, enigmi, segreti

La Fossa delle Marianne è una fossa di acque profonde situata nell'Oceano Pacifico occidentale vicino alle Isole Marianne (da cui prende il nome). Contiene il punto più basso del nostro pianeta noto alla scienza: il Challenger Abyss, la cui profondità raggiunge quasi 11 chilometri sotto il livello del mare. Le misurazioni più accurate e più recenti hanno registrato una profondità di 10.994 metri, ma questa cifra potrebbe avere un errore di un paio di decine di metri. È interessante notare che il punto più alto della Terra (Monte Chomolungma) si trova a soli 8, 8 chilometri sul livello del mare. Pertanto, può essere posizionato interamente nella Fossa delle Marianne e ci saranno diversi chilometri d'acqua sopra di esso. Questa scala è davvero sorprendente.

Perché la depressione è difficile da studiare

La profondità massima che una persona può sopportare senza attrezzatura è di poco superiore ai 100 metri, sebbene anche questa cifra sia davvero un record. Con attrezzature speciali, i subacquei hanno raggiunto un massimo di 330 metri. Questo è 33 volte inferiore alla profondità della Fossa delle Marianne e la pressione sul fondo è 1000 volte superiore al normale per gli umani. Pertanto, tuffarsi in fondo al trogolo è al di là delle forze umane.

La prima cosa che viene in mente per correggere questa situazione è l'uso di dispositivi e meccanismi speciali che possono scendere e risalire illesi. Ma anche qui sorgono difficoltà. La pressione dell'acqua piega persino il metallo, quindi le pareti di un veicolo d'altura devono essere spesse e resistenti. Dopo l'immersione, il dispositivo deve emergere in qualche modo e ciò richiede un enorme compartimento con aria.

Gli scienziati sono riusciti a superare le suddette difficoltà: hanno creato uno speciale batiscafo di ricerca. È in grado di immergersi nell'abisso di Challenger e potrebbe anche esserci una persona. Ma rimane un problema più serio. Non un solo raggio di sole penetra nel fondo della grondaia e la densità dell'acqua è così alta che l'illuminazione delle lanterne batiscafe la attraversa a malapena. Di conseguenza, una nave che è atterrata proprio sul fondo illumina l'ambiente circostante a pochi metri di distanza.

La lunghezza della Fossa delle Marianne è di oltre 2,5 chilometri, la sua larghezza è di 69 chilometri e l'intero rilievo è estremamente irregolare e coperto da numerose colline. Ci vorranno decine e centinaia di anni per visualizzare semplicemente ogni metro del fondo della depressione attraverso la telecamera. Questo è il motivo per cui lo studio di una fossa in acque profonde è così difficile. Gli scienziati ricevono informazioni sul mondo sottomarino in piccoli pezzi, realizzano filmati e raccolgono campioni di organismi viventi dal fondo.

Storia della ricerca

Nel 1951, il punto più profondo della depressione fu misurato in modo abbastanza accurato. Una nave idrografica denominata "Challenger 2" con l'aiuto di dispositivi speciali ha registrato che il fondo è a 10.899 metri sotto il livello del mare. Nel tempo i dati sono stati corretti, ma il nome del punto più basso del pianeta da quegli studi porta il nome della nave che lo ha studiato.

Nel 1960, le persone decisero per la prima volta di tuffarsi sul fondo della Fossa delle Marianne. I temerari erano D. Walsh e J. Picard, ricercatori americani. Affondati sul fondo dell'abbeveratoio del batiscafo triestino, furono sorpresi di vedere uno strano tipo di pesce piatto. Fino a quel momento, si credeva che nessuna creatura vivente potesse resistere a una pressione dell'acqua così grande, quindi la scoperta degli scienziati divenne una vera sensazione. La loro impresa è stata ripetuta da una sola persona: nel 2012, il famoso regista James Cameron si è tuffato nell'abisso di Challenger da solo, girando scatti unici che hanno formato un documentario separato.

Immagine
Immagine

Nel 1995, i giapponesi hanno immerso nell'abisso la sonda Kaiko telecomandata, che ha raccolto campioni di flora dal fondo. Nei campioni sono stati trovati organismi unicellulari a guscio. Nel 2009, l'apparato di esplorazione subacquea Nerius è stato inviato negli spazi di acque profonde. Ha trasmesso informazioni sulle piante e sulle creature che lo circondavano utilizzando lampade a LED e telecamere speciali e, inoltre, ha raccolto materiale biologico in un grande contenitore.

Visualizzazioni aperte

La Fossa delle Marianne ospita molti animali che danno la pelle d'oca al loro aspetto. Tuttavia, nonostante l'aspetto terrificante, la maggior parte di essi non è pericolosa per l'uomo.

Smallmouth Macropinna è un pesce di acque profonde con una testa molto strana. I suoi grandi occhi verdi si trovano in un liquido circondato da un guscio trasparente. Gli occhi possono ruotare in diverse direzioni, il che fornisce al pesce un angolo di visione abbastanza ampio. Questa creatura si nutre di zooplancton. È interessante notare che per molto tempo non hanno potuto studiare macropinnu, perché la sua testa scoppia per la pressione mentre galleggia sulla superficie dell'acqua.

Immagine
Immagine

Lo squalo goblin è uno squalo dall'aspetto piuttosto sgradevole con un'enorme protuberanza sul muso a forma di naso gobbo. A causa della pelle sottile, i vasi sanguigni dello squalo traspare, il che gli conferisce un colore rosa chiaro. Questa è una delle specie di squalo meno studiate, poiché vive a profondità decenti.

Immagine
Immagine

L'aquila è un piccolo pesce di acque profonde che, tuttavia, sembra intimidatorio. Sul suo corpo c'è un piccolo processo, la cui punta si illumina, attirando la preda: piccoli pesci e crostacei. I denti del pesce sono lunghi e sottili, motivo per cui ha preso il nome.

Immagine
Immagine

Grimpoteutis, o polpo Dumbo, è forse una delle poche specie di acque profonde che non provocano paura, ma tenerezza. I processi laterali sul suo corpo ricordano le grandi orecchie dell'elefante Dumbo, da cui la creatura ha preso il nome.

Immagine
Immagine

Il pesce accetta ha preso il soprannome per la sua somiglianza esterna con un'ascia. Ha una dimensione molto piccola - da 2 a 15 cm e si nutre di specie più piccole di pesci, gamberi e crostacei. Il pesce emette un leggero bagliore verdastro.

Immagine
Immagine

Segreti della trincea e miti dei mostri

Una delle caratteristiche più strane e inesplorate della Fossa delle Marianne è che nelle sue profondità il livello di radiazione è notevolmente aumentato. Anche alcune specie di crostacei e pesci lo emettono. Gli scienziati non possono spiegare da dove provenga la radiazione a tali profondità. Inoltre, l'acqua nell'Abisso Challenger è fortemente contaminata da tossine, anche se l'area vicino alla grondaia è rigorosamente sorvegliata e non si può parlare di rifiuti industriali scaricati nell'oceano in questo luogo.

Nel 1996, il batiscafo Glomar Challenger fu sommerso nelle profondità dell'Oceano Pacifico nella Fossa delle Marianne. Qualche tempo dopo l'inizio dello studio, il team ha sentito strani suoni dagli altoparlanti, come se qualcuno stesse cercando di segare il metallo. Gli scienziati hanno immediatamente iniziato a sollevare la nave in superficie, ed è stata gravemente accartocciata e schiacciata. Il cavo del tavolo attaccato al batiscafo era quasi completamente segato. Le telecamere hanno registrato enormi sagome, simili ai draghi marini delle peggiori fiabe.

Immagine
Immagine

Pochi anni dopo, si è verificato un incidente simile con il veicolo sottomarino Highfish. Essendo sceso a una certa profondità, il batiscafo smise di salire e scendere. Accendendo le telecamere, gli scienziati hanno visto che la nave era trattenuta con i denti da uno strano mostro che sembrava un'enorme lucertola. Forse i membri di entrambe le spedizioni hanno visto la stessa creatura. Sfortunatamente, non ci sono prove documentali per questo.

All'inizio degli anni 2000, nell'Oceano Pacifico è stato scoperto un dente incredibile. Gli scienziati hanno stabilito che appartiene a uno squalo gigante, presumibilmente estinto diversi milioni di anni fa - Megalodon. Tuttavia, il materiale trovato nell'oceano non è più vecchio di 20 mila anni. Sulla scala dell'evoluzione e della biologia, un tale periodo è considerato molto piccolo, quindi i ricercatori ritengono che uno squalo preistorico di 24 metri possa essere ancora vivo.

Immagine
Immagine

Tuttavia, le informazioni sulle creature giganti e terrificanti nell'abisso dell'Oceano Pacifico in questa fase dello sviluppo dell'oceanologia possono essere tranquillamente chiamate miti. Forse alcune di queste creature esistono davvero, ma finché gli scienziati non potranno studiare almeno qualche dozzina di individui, è troppo presto per parlare della loro esistenza. Inoltre, sono necessari circa 10 mila dei suoi rappresentanti per mantenere la popolazione della specie. Se così tanti mostri giganti vivessero nell'abisso, si incontrerebbero molto più spesso. Attualmente, solo testimonianze oculari e danni su alcuni sottomarini testimoniano queste creature.

Popolare dall'argomento