Kuskovo (parco): Come Arrivare, Foto, Orari Di Apertura E Recensioni

Sommario:

Kuskovo (parco): Come Arrivare, Foto, Orari Di Apertura E Recensioni
Kuskovo (parco): Come Arrivare, Foto, Orari Di Apertura E Recensioni
Video: Kuskovo (parco): Come Arrivare, Foto, Orari Di Apertura E Recensioni
Video: FOTOGRAFARE CASCATE nella FORESTA PLUVIALE più antica del mondo - Foto Avventure 2023, Febbraio
Anonim

Kuskovo è una tenuta unica, unica nel suo genere. La sua unicità sta nel fatto che Kuskovo è un esempio della prima ricca tenuta sopravvissuta di un nobile nobile e nel fatto che Kuskovo era di proprietà della stessa famiglia senza interruzioni dal XVI secolo. e prima del colpo di stato dell'ottobre 1917.

Kuskovo
Kuskovo

Storia di Kuskovo

Kuskovo è interamente un'opera delle mani dell'uomo e la natura non ha aiutato con nulla qui, al contrario, ha impedito la creazione di questo capolavoro. Tra il terreno pianeggiante, piatto e monotono, ricoperto da una foresta rara, e persino paludosa, come per magia, si è creata una visione meravigliosa: un ampio stagno, un canale, un palazzo, un giardino abilmente progettato, un parco paesaggistico altrettanto abilmente organizzato, molti intricati padiglioni … Migliaia di servi della gleba furono cacciati dai villaggi circostanti per pesanti lavori di sterro e lavori di costruzione, e architetti e giardinieri di talento presero parte alla progettazione.

Kuskovo fu menzionato per la prima volta alla fine del XVI secolo: "Per il boiardo Ivan Vasilyevich Sheremetev …". È noto dagli scribi del 1623/1624 che nel patrimonio "antico" di Sheremetev esisteva già una chiesa in legno con due cappelle laterali: San Nicola Taumaturgo e San Nicola. Frol e Lavra, e nel villaggio gli scribi hanno notato "il cortile del boiardo, ma il cortile degli animali, gli uomini d'affari vivono" (questo era il nome dei servitori personalmente liberi. - Autore).

Dopo IV Sheremetev, Kuskovo fu di proprietà di suo figlio Fedor, che passò dalla parte dell'impostore Falso Dmitrij I, per il quale gli fu concesso nel boiardo, in seguito fece parte dei "sette boiardi" (il governo corpo dello stato dei sette boiardi - FI Sheremetev, I. N. Romanov, A. V. Trubetskoy, F. I. Mstislavsky, I. M. Vorotynsky, B. M. Lykov, A. V. Golitsyn) rappresentarono l'invito del principe polacco Vladislav al trono russo. Quando si decise la questione della successione al trono, si dice che fu lui, Fëdor Sheremetev, a dire: "… sceglieremo de Misha Romanov, è ancora giovane e stupido", caratteristica che forse predeterminato la scelta di una nuova dinastia.

Da Fedor Ivanovich Sheremetev, Kuskovo passò per quasi cento anni da un rappresentante di questo clan all'altro, fino a quando Vladimir Petrovich Sheremetev nel 1715 lo vendette per 200 rubli a suo fratello, un famoso socio di Pietro il Grande Boris Petrovich Sheremetev, i cui eredi trasformarono Kuskovo. Divenne famoso per molte vittorie, ma soprattutto nella Guerra del Nord, durante la quale, dopo una delle battaglie, ricevette il grado di feldmaresciallo (il terzo in Russia), e dopo la soppressione della rivolta di Astrakhan, gli fu assegnato il primo conte russo. A Poltava, Sheremetev comandò il centro dell'esercito russo e contribuì in gran parte alla vittoria su Carlo XII.

Sheremetev possedeva una grande ricchezza ancestrale, durante la guerra in Livonia, lui, nelle parole dello zar Pietro, "gestì gloriosamente", e molte proprietà con contadini gli furono date per il suo servizio (ad esempio, dopo la battaglia di Poltava, Sheremetev divenne il proprietario del volost di Yukhotsk con 12 mila contadini), ma trascorse tutta la sua vita in campagne, battaglie, trattative diplomatiche e ne visitò a malapena molti, incluso Kuskovo. Il feldmaresciallo morì quattro anni dopo l'acquisto di Kuskov e la fioritura della tenuta è associata principalmente a suo figlio Peter Borisovich. Non divenne famoso sul campo di battaglia o nel servizio civile, sebbene raggiunse i gradi conosciuti: sotto Elizaveta Petrovna ricevette il grado di generale in capo, e Pietro III lo nominò capo ciambellano, motivo per cui l'unico frutto di la sua attività ufficiale era intitolata: “Carta dei posti e vantaggi del primo ciambellano”.

Nel 1743 P. B. Sheremetev sposò l'unica erede del cancelliere A. M. Cherkassky. Suo padre voleva darla in sposa al diplomatico e poeta Antiochus Cantemir, figlio del sovrano moldavo. Il motivo per cui questo matrimonio non ha avuto luogo è sconosciuto, si presume che Antioco non volesse collegare la sua vita con una bellezza secolare favolosamente ricca, viziata e non molto severa.

Quasi tutto ciò che si trova a Kuskovo deve il suo aspetto a Peter Borisovich Sheremetev, e l'idea stessa di costruire una lussuosa tenuta vicino a Mosca potrebbe essere nata perché Sheremetev voleva averlo vicino al palazzo dell'imperatrice Elisabetta Petrovna vicino a Mosca nel villaggio di Perov. La disposizione e la disposizione della tenuta di Kuskovo erano direttamente collegate a Yuri Ivanovich Kologrivov, un amico e consigliere di PB Sheremetev, un uomo con una biografia interessante e in gran parte inesplorata.

Lo conosceva bene Pietro il Grande, sulle cui istruzioni Kologrivov acquisì molte opere d'arte all'estero e, in particolare, la famosa Venere di Tauride. Dal 1740 circa. Kologrivov vive qui con Sheremetev.

Ci sono informazioni secondo cui l'autore del progetto del palazzo era l'architetto francese Charles de Valli, ma servi della gleba o architetti russi assunti, e in particolare, FS Argunov e KI Blank, supervisionarono direttamente la costruzione, sebbene nulla fosse fatto a Kuskovo senza consultando Peter Borisovich, che aveva l'ultima parola.

Immagine
Immagine

Schema del maniero

Immagine
Immagine

Chiesa del Salvatore Misericordioso

Il tamburo ottagonale a una cupola della cupola ha nicchie con sculture degli apostoli collocate in esse. Le stesse facciate escono su tre lati; da est vi è un piccolo altare absidale. Tre portici identici senza tende da sole sono dotati di scale a doppio lato con ringhiera in ferro battuto. Il tetto a nervature con tetto scuro e pareti chiare è diverso da tutti gli edifici circostanti

L'interno del tempio, che si apre davanti a chi entra nella Chiesa del Salvatore Misericordioso, sorprende per la sua modestia e laconicismo. Le pareti ben imbiancate non contengono modanature in stucco o dipinti pittoreschi. Degli elementi decorativi si può ricordare solo il percorso a tappeto al centro della navata che conduce all'iconostasi dell'altare. C'è anche un negozio con oggetti religiosi.

Solo alcune delle immagini sacre, inclusa l'icona superiore della Santissima Trinità, brillano di dorature. Tali sono le grandi icone della Madre di Dio e del Bambino a sinistra delle Porte Sante e del Salvatore stesso - a destra. La forma insolita delle porte dei passaggi laterali allo spazio dell'altare, realizzate sotto forma di metà di archi tagliati verticalmente. In quella di destra puoi persino vedere una stanza per cambiare i vestiti dei sacerdoti.

Il dispositivo del candelabro già visto a grandezza naturale per candele salutari è abbastanza tradizionale, in contrasto con quello rettangolare di lusso.

Immagine
Immagine

Il parco

Il parco è delimitato da un canale con l'acqua e da un bastione antistante, dove i percorsi rettilinei formano un disegno geometrico regolare che lo divide in più parti. In ciascuno di essi, l'incrocio dei percorsi forma un centro, segnato o da una statua o da un padiglione del giardino (ad esempio, l'Eremo chiude le prospettive di otto vicoli del parco). Sull'asse principale del parco - dalla casa padronale alla serra - si trova un obelisco del 1787. e una colonna con una statua della dea della saggezza, patrona delle arti, delle scienze e dei mestieri, Minerva, eretta nel 1776.

Ci sono molte sculture nel parco, tra cui "Scamander", "Apollo", "Africa" ​​e altre.

In estate, nei vicoli del parco erano esposti alberi meridionali, tagliati a forma di figure diverse.

Il viale principale conduce alla Grande serra in pietra, costruita nel 1761-1763. Era destinato non solo alla coltivazione di piante esotiche, ma anche ai concerti: il volume centrale, assegnato dalla cupola, era una sala da concerto. La serra conteneva gli alberi di alloro più rari, che avevano 300 anni. Scomparvero già alla fine del XIX secolo. da negligenza

A destra del viale principale c'è la "Voliera" per gli uccelli (ricostruzione relativamente recente), ancora più lontano è il luogo dove si trovava l'Air, cioè il teatro all'aperto, e più vicino alla casa principale - la casa italiana, dove, forse, c'era un piccolo museo, Serraglio - cinque eleganti case dove si tenevano gli uccelli, e accanto a un piccolo stagno - la Grotta, un padiglione da giardino, costruito nel 1771, decorato con figure di pesci, conchiglie mediterranee e pietre (la Grotta Rastrelli a Carskoe Selo ne è servita da modello).A sinistra del vicolo principale si trova uno dei monumenti barocchi di Kuskovo più notevoli: l'Ermitage del 1765-1767.

Immagine
Immagine

casa olandese

La prima casa olandese fu costruita nel 1749 in memoria dell'era di Pietro il Grande. Questo padiglione era destinato anche alla ricreazione degli ospiti.

Immagine
Immagine

Kuskovo (parco): come arrivare, orari di apertura

Il Parco Kuskovo si trova nella parte sud-orientale della capitale. L'indirizzo del parco forestale e del museo: Mosca, st. Gioventù, 2. Si trova all'interno della metropoli, ma i visitatori se ne dimenticano, entrando in un bellissimo angolo di natura.

C'è una zona foresta-parco sulla pianura di Meshchera e ha una superficie di oltre 300 ettari. Ci sono diversi bei stagni sul suo territorio. Il più grande e famoso è il Great Palace Pond. Si trova di fronte al palazzo e alla tenuta ed ha una superficie di 14 ettari.

Opzioni di viaggio:

  • Dalla stazione della metropolitana Vykhino, prendi l'autobus n. 620 o il minibus n. 9 M fino alla fermata "Museo" Kuskovo "," Via Moldagulovoy "o" Via Veshnyakovskaya ".
  • Dalla stazione della metropolitana Ryazansky Prospekt, prendi l'autobus numero 133 o 208, vai alla fermata chiamata "Museum Kuskovo", "Via Moldagulovoy" o "Via Veshnyakovskaya".
  • Dalla stazione della metropolitana Novogireevo con l'autobus n. 615, 247 o con il filobus n. 64, vai alla fermata di via Yunosti.
  • Nella direzione ferroviaria di Kazan le stazioni "Perovo", "Veshnyaki" o "Plyushchevo".
  • Nella direzione della ferrovia Gorky della stazione "Kuskovo", "Novogireevo" o "Chukhlinka".

Orari di apertura

Il parco Kuskovsky è convenzionalmente diviso in due zone: museo e parco forestale. I residenti chiamano entrambe le parti allo stesso modo, ma allo stesso tempo specificano Kuskovo: un parco o un museo. L'area del parco è costituita da un parco forestale selvaggio e da un parco regolare di un conte, sul cui territorio si trova un bellissimo Museo-Proprietà.

Il parco forestale è aperto per passeggiate a qualsiasi ora, il parco regolare è visitabile dalle 10.00 alle 20.00 e la tenuta-museo ha un orario di apertura a pagamento dalle 10.00 alle 18.00. Le biglietterie sono aperte dalle 10.00 alle 17.00.

Testimonianze

Oggi la zona del parco forestale Kuskovskaya è considerata uno dei luoghi più visitati della capitale. Le persone vengono qui per respirare l'aria, ammirare la natura e rilassarsi attivamente.

Le recensioni sulla passeggiata nel parco sono positive, ci sono molti campi da gioco per bambini, panchine sul suo territorio, ci sono ottimi posti per pattinare o pattinare. C'è un noleggio di biciclette. L'area del parco forestale è pulita e ben curata, ci sono speciali padiglioni per picnic.

Immagine
Immagine

Popolare dall'argomento