Chi Apparteneva A Tsaritsyno A Mosca E Cosa C'è Di Interessante In Lui

Chi Apparteneva A Tsaritsyno A Mosca E Cosa C'è Di Interessante In Lui
Chi Apparteneva A Tsaritsyno A Mosca E Cosa C'è Di Interessante In Lui

Video: Chi Apparteneva A Tsaritsyno A Mosca E Cosa C'è Di Interessante In Lui

Отличия серверных жестких дисков от десктопных
Video: TOP 10 cosa vedere a Mosca 2023, Gennaio
Anonim

Ci sono molti edifici interessanti e insoliti, riserve museali a Mosca. Questi includono Tsaritsyno - una delle più famose riserve-museo della città. Comprende un complesso architettonico unico e una natura meravigliosa che non è tipica di Mosca.

Chi apparteneva a Tsaritsyno a Mosca e cosa c'è di interessante in lui
Chi apparteneva a Tsaritsyno a Mosca e cosa c'è di interessante in lui

Tsaritsyno è un posto unico e molto bello a Mosca, da un lato è un luogo storico con un'architettura insolita, dall'altro - natura pittoresca (un'area di oltre 100 ettari). Per tre secoli consecutivi, gli abitanti della città hanno camminato a Tsaritsyno, godendosi l'aria pulita e i paesaggi straordinari. Il museo della riserva è molto popolare tra i turisti, spesso lo visitano.

Inaugurato nel 1984, ma pochi conoscono la storia di questo luogo unico. È noto dal XVI secolo e apparteneva alla zarina Irina, sorella di Boris Godunov. I famosi stagni di Tsaritsyn sono stati conservati dal XVI secolo e sono considerati il ​​"monumento" più antico della riserva-museo.

Nel 1598 fu creata una landa desolata sul sito del possesso della regina Irina, che non aveva un proprietario. Nel 1633, il terreno fu acquisito dai boiardi di Streshnev, 51 anni dopo la proprietà passò ad A.V. Golitsyn (figlio di Vasily Golitsyn, il favorito di Tsarevna Sophia).

Pietro I confiscò le terre della famiglia Golitsyn, nel 1712 il futuro "Tsaritsyno" concesse al principe moldavo Dmitry Cantemir (per l'aiuto della Russia nel confronto con la Turchia). Il principe eresse una chiesa in pietra con una cupola in onore dell'icona della Madre di Dio "Fonte vivificante" (nel 1722), il tempio è sopravvissuto e può essere visitato.

Accanto ai possedimenti del principe Cantemir, passò una strada, l'imperatrice Caterina II la percorse di ritorno da Kolomenskoye e attirò l'attenzione sulla tenuta del principe, rimase colpita dalla bellezza della natura. Su raccomandazione del principe Grigory Potemkin, l'imperatrice acquistò la tenuta dal figlio del principe Kantemir Sergei, l'accordo avvenne nel maggio 1775. Il costo di proprietà era di 20.000 rubli, ma Caterina II ne pagò 5.000 in più.

Il fango nero (il nome della tenuta) divenne proprietà della regina e ricevette il nome corrispondente. Esiste una versione in cui il nome Tsaritsyno è stato inventato dal principe Potemkin.

Alla fine del XIX secolo, a Tsaritsyno furono costruiti cottage estivi e l'ex possedimento di Caterina II si trasformò in un luogo preferito per le passeggiate dei residenti di Mosca. Alcuni degli edifici che furono eretti nella residenza dell'imperatrice sono sopravvissuti, alcuni edifici sono stati restaurati.

Turisti e visitatori sono attratti dall'architettura unica del museo-riserva; in estate, le sessioni fotografiche di matrimonio si tengono sullo sfondo del palazzo. Il complesso architettonico Tsaritsyno è considerato il più grande edificio d'Europa in stile pseudo-gotico del XVIII secolo

L'edificio più famoso di Tsaritsyno è considerato il Grand Palace, la sua costruzione è stata eseguita per dieci anni ed è stata ripetutamente sospesa (dal 1786 al 1796). L'autore del progetto è V.I. Bazhenov, era l'architetto di corte di Caterina II.

Immagine
Immagine

Il palazzo non è stato completato a causa della morte dell'imperatrice; è stato restaurato dalle rovine nel 2005-2007.

Oltre al Bolshoi, furono eretti altri due palazzi (medi e piccoli), diversi edifici e la Casa del pane, ponti. Gli edifici non sono stati completamente conservati (alcuni sono stati restaurati, alcuni sono stati restaurati, alcuni sono stati completamente conservati), perché Caterina II non amava l'architettura della sua residenza e ne ordinò lo smantellamento e la ricostruzione (con la partecipazione dell'architetto Matvey Kazakov).

Immagine
Immagine

Esistono diverse versioni dell'indignazione dell'imperatrice, secondo una di esse, Caterina II ha semplicemente perso interesse per la sua tenuta. Viveva a Tsaritsyno con la sua sposa segreta (in un palazzo di legno) Grigory Potemkin (fu lui che si offrì di acquistare la tenuta di Kantemirov), dopo la sua morte, a Caterina II non piaceva la sua residenza.

Non è ancora noto il motivo per cui fu Caterina II a ordinare la ricostruzione dei palazzi e degli edifici.

Immagine
Immagine

Alcuni degli edifici progettati da V.I.Bazhenov sono sopravvissuti; durante l'era sovietica ospitavano le autorità locali e una scuola di musica.

Immagine
Immagine

Alcuni dei padiglioni sono stati modificati durante l'era sovietica, recentemente hanno ricevuto il loro aspetto originale.

Immagine
Immagine

Il Padiglione Milovida (originariamente una casa da tè) e la torre in rovina apparvero a Tsaritsyno nel XIX secolo.

Immagine
Immagine

Oltre all'architettura, nel museo-riserva si può vedere l'"Isola delle Sirene" con un cancello, serre, statue e dar da mangiare agli scoiattoli.

È facile raggiungere la riserva-museo: la stazione MCD-2 o la stazione della metropolitana Tsaritsyno, 3-5 minuti a piedi (la stazione MCD è più vicina alla riserva), la stazione di Orekhovo (l'ingresso al parco non è lontano via, ma ci vuole molto tempo per arrivare al palazzo).

Popolare dall'argomento